“Radici – Formazione ed inserimento lavorativo di donne vittime di violenza”

8xmille_ri-bozza_1-05

Laboratorio di fumetto a Sapri

corso fumetti locandinaLaboratorio di fumetto
(Il percorso creativo nei comics: dal soggetto alla pagina disegnata)

Possono essere molti gli scopi dell’insegnamento del fumetto nella scuola. Dalla semplice conoscenza di un nuovo linguaggio stimolante e ricco, all’uso di questo linguaggio in modo istintivo, liberatorio ed espressivo, particolarmente adatto coi ragazzi perché unisce l’uso, per loro irrazionale, del disegno a quello, più ragionato e sociale, delle parole. Ma fumetto è anche interdisciplinarità, decodifica dei codici, apprendimento di stilemi narrativi e del disegno in funzione narrante. Il rispetto della forma è fondamentale, chi legge una buona sceneggiatura è come se vedesse scorrere sotto gli occhi il fumetto stampato sull’albo. Le pagine devono quindi essere snelle, nitide e stringate. I ragazzi devono ricorrere a tutte le loro capacità di sintesi e affinare la loro scrittura per combinare personaggi forti e attivi con una narrazione visuale originale e sintetica che porti avanti la storia costantemente.
Il fumetto è inoltre creatività e fantasia, e questi sono gli aspetti con i quali giocare per far appassionare i corsisti al medium che viene loro proposto. Ingegnarsi a costruire storie fantastiche o verosimili rappresenta senz’altro la molla più efficace per sviluppare l’immaginazione e trasformare in parole scritte le astrazioni e i pensieri degli allievi. Il tutto deve essere necessariamente corredato da un lavoro di ricerca e documentazione, sceneggiare significa ambientare personaggi e situazioni in determinati periodi storici e determinate aree geografiche; conoscere usi e costumi di popoli; procurarsi, in definitiva, le informazioni necessarie che rendono credibili le storie e i loro protagonisti. Tra gli argomenti del corso viene dato particolare rilievo alla vignetta, sia come elemento base per una efficace costruzione delle tavole del fumetto, sia come singola unità espressiva volta a sintetizzare concetti e opinioni. L’importanza del disegno umoristico sulle testate nazionali viene esaminata con perizia e oculatezza al fine di cogliere i segreti del riflettere sorridendo.
Il programma del corso si realizza attraverso un lavoro pratico di esercizi in aula, di confronto e approfondimento. Domande ed esercitazioni, questa è la formula del laboratorio di fumetto. Il laboratorio ha proprio questo scopo: fornire ai suoi allievi gli elementi necessari per raccontare una storia con le immagini e con i testi del fumetto. Ai corsisti, attraverso continue esercitazioni pratiche, vengono svelate le particolari tecniche di sceneggiatura del fumetto.
Si tratta di imparare a raccontare una storia attraverso “le nuvole parlanti”: adattare un testo al mondo dei ballons e dei disegni, seguendo l’esempio di Ugo Pratt che amava parlare di letteratura disegnata. Gli incontri del laboratorio fanno conoscere da vicino il pianeta dei fumetti, mettendo a fuoco i grandi personaggi e i loro autori, per capire meglio le capacità narrative ed espressive di ogni eroe di carta. Il corso si rivolge agli alunni della scuola secondaria di primo grado, quindi ad un utente non specializzato ma motivato ad apprendere gli elementi base necessari per la realizzazione di un fumetto. La partecipazione al corso non prevede nessuna attitudine grafica e fornirà gli elementi teorici e soprattutto pratici necessari all’ideazione di una storia (idea produttiva), all’elaborazione dell’idea produttiva in soggetto, alla trasformazione di quest’ultimo in trattamento e successivamente in sceneggiatura definitiva. Nelle varie lezioni, gli allievi insieme agli insegnanti di sceneggiatura e disegno, si adopereranno alla creazione dei personaggi, degli ambienti ed alla realizzazione grafica di una sceneggiatura breve realizzata dagli stessi allievi, apprendendo altresì le modalità di collaborazione tra sceneggiatore e disegnatore.

Il corso si articola in sei parti:

Prima parte

a. La professionalità nel fumetto (soggettista, sceneggiatore, disegnatore, autore completo, traduttore, copertinista, letterista, colorista)
b. Il fumetto d’autore ed il fumetto popolare italiano
c. Il fumetto straniero: Francia, Stati Uniti, Giappone
d. Che cos’è un’ idea produttiva. L’idea sterile
Esercitazione un aula: “Alla ricerca dell’idea produttiva”
e. I generi narrativi: verosimiglianza e creatività
f. Quali storie vanno bene per il fumetto?
g. Il quaderno degli appunti

Seconda parte

a. Rapporto sceneggiatore-disegnatore: la doppia regia
b. Testo ed immagine nel fumetto
c. Dall’idea produttiva al soggetto
d. Il soggetto (riassunto della storia, racconto, dialoghi, presentazione dei personaggi)
e. La documentazione

Terza parte

a. Dal soggetto al trattamento (sequenze, “preventivo di spesa”)
b. Lettura e studio di documenti professionali
c. Accenni di sceneggiatura
Esercitazione in aula

Quarta parte

a. Che cos’è una sceneggiatura e differenze dal racconto
b. Quali parti la compongono (presentazione dei personaggi, ambientazione, sceneggiatura per vignetta e per tavole)
c. Analisi di una sceneggiatura professionale
d. La vignetta

Quinta parte

a. La realizzazione grafica della sceneggiatura
b. Il disegno e la copertina come primo contatto tra lettore potenziale e storia
c. La storia come elemento di affezione tra lettore e fumetto (storia nel senso di testo, caratteristiche del personaggio, intreccio, etc.)
d. L’equilibrio tra testo e disegno: la doppia regia

Sesta parte

a. Disegnare quel che si sa e disegnare quel che serve al racconto: la centralità dell’elemento narrativo nella vignetta
b. Lettura, rilettura ed interpretazione della sceneggiatura ovvero “quando la storia che voglio raccontare è la mia storia e quando di un altro”
c. La pagina disegnata: creazione del personaggio e sua contestualizzazione
d. Realizzazione grafica della sceneggiatura

Elementi di disegno

L’anatomia del corpo umano
I canoni di proporzionalità
Studio della muscolatura e del movimento corpo
Come creare un personaggio: caratteristiche principali, anatomia e linguaggio del corpo
Tecniche di inchiostrazione, chiaroscuro e gestione dei colori
La prospettiva in un fumetto
Guida alla creazione di sfondi e paesaggi
Gestire le inquadrature all’interno di un fumetto
Lo scopo del disegno nel fumetto
Studio e realizzazione di una copertina per un comic book
Le fasi nella progettazione del fumetto: dalla realizzazione dello storyboard all’impaginazione

Laboratorio di fumetto

corso fumetti

Laboratorio di riciclo creativo della stoffa

locandina riciclo

Il sostegno alla genitorialità oggi: pensare e agire le alleanze educative nella comunità

locandina genitori

Il 30 dicembre 2013 l’inaugurazione di Radici – Casa delle mamme e dei bambini

 

radici invito

 

Il video: Radici – Casa della mamme e dei bambini

 

Nasce Radici, casa delle mamme e dei bambini

 

 

 

 

 

Clicca qui

Impossibile non comunicare…ovvero l’arte di costruire significati

Presentazione, discussione ed analisi dei dati della ricerca-intervento realizzata alla XIII edizione del meeting del mare

Aula Magna Liceo Classico e Scientifico “Carlo Pisacane” di Sapri

Sabato 22 Maggio ore 17.00

All’incontro parteciperà il prof. Marcello Marino, professore di Pedagogia Generale e Sociale – Università degli studi di Perugia

Scarica la pubblicazione (pdf da 3,52 MB)

Scarica la locandina (pdf da 1,12 MB)

Impossibile non comunicare…

Progetto ideato e realizzato alla XIII edizione del Meeting del Mare 2009 – Marina di Camerota 30, 31 Maggio, 1 Giugno 2009.

Clicca qui per leggere e scaricare il progetto, la ricerca-azione, i videoclip, le vignette e tutti i post-it raccolti durante l’evento


Per visitare il sito del meeting del mare clicca qui

La Società Cooperativa Ventidimare

La Società Cooperativa Ventidimare nasce  dall’intento di contribuire alla promozione delle politiche sociali territoriali, attraverso la costruzione di un contenitore fatto di esperienze e professionalità.
Il gruppo di lavoro è  caratterizzato dalla multidisciplinarità delle competenze integrate e dall’impostazione “ecologica” al territorio e agli interventi che in esso si inseriscono.